Menu

L’incredibile Mondo Perduto,Possibile Realtà?

0 Comments



Nel profondo nelle foreste pluviali del Venezuela, una serie di altipiani sorgere a più di 2000 metri dal suolo. Dall’alto, sembrano isole nel cielo. Questi sono i tepui (una parola indiana Pemón  significa casa degli Dei), la più famosa dei quali è chiamato Monte Roraima. I tepui sono così unici nella loro geografia che migliaia di specie di piante non esistono in nessun altro luogo del pianeta, tranne su questi altipiani. Le montagne mistiche hanno affascinato esploratori  e scrittori per secoli, in particolare Sir Arthur Conan Doyle che ha descritto una salita del Monte Roraima nel suo romanzo del 1912
Il mondo perduto
. Nel romanzo di Doyle, un gruppo di esploratori hanno scoperto che i dinosauri e altre creature estinte erano ancora vivi e vegete sugli altipiani remoti. Alcune persone oggi credono ancora che questa sia una possibilità reale.
Per anni si è pensato fosse una grotta “maledetta”
Un incantesimo che non ha tardato ad attirare turisti e visitatori da tutto il mondo che, incuriositi dalla vicenda, hanno iniziato a lasciare piccoli ricordi del loro passaggio per osservarne la trasformazione. Ed è così che appaiono sonagli, orsetti di peluche o cappelli, testimonianze della fama ormai raggiunta dal luogo. Eppure non sempre la grotta ha attirato l’attenzione dei curiosi. In passato, infatti, gli abitanti della zona hanno ritenuto che l’intera cavità fosse avvolta da una
terribile maledizione, unica giustificazione trovata nel corso dei secoli per quel particolare fenomeno.
Spaventati anche dalla strana conformazione della caverna, che se osservata da una certa prospettiva ricorda la forma di un teschio, molti temevano di avvicinarsi e di entrare in contatto con quell’acqua per non trasformarsi anch’essi in pietra. Ma più indietro nel tempo, nelXVI secolo, era invece diffusa la convinzione che quelle acque avessero in realtà proprietà curative.

Una volta impenetrabile a tutti, ma per gli indigeni Pemón, il Monte Roraima in realtà era un mondo perduto. Gli altipiani di montagna esistono da quando il Sud America era collegato con l’Africa formando il supercontinente Gondwana, nel senso che si sono  formati forse tra i 400 a 250 milioni di anni fa. Durante questo tempo, la roccia fusa era costretta a fare la sua strada attraverso crepe nella massa di arenaria. Allo stesso tempo, il vento e l’acqua spazzavano tutta la Gondwana erodono gli altopiani sollevati in catene montuose. La regione ha raggiunto l’aspetto attuale circa 20 milioni di anni fa.
Poiché le cime dei tepui sono state isolate per così tanto tempo, la flora e la fauna dei tepui forniscono una illustrazione organica dei processi dell’evoluzione. Si pensa che “almeno la metà delle specie di circa 10.000 piante sono uniche per tepui e le pianure circostanti. Le nuove specie sono ancora in fase di scoperta. “(George, 1989). Anche se tutti i tepui sono stati raggiunti, solo pochi sono stati ampiamente esplorati. Questo potrebbe significare che presumibilmente specie estinte, anche i dinosauri, possono ancora esistere in cima su questi altipiani?
Potrebbe la legenda essere reale?
L’altipiano Roraima è così lontano e così unico che non è difficile immaginare a Sir Arthur Conan Doyle e alla creazione di un mondo vivo con piante preistoriche e dinosauri nel suo romanzo Il mondo perduto . Doyle era affascinato dai racconti del botanico britannico Everard Im Thurn, che è salito sulla cima del Monte Roraima nel dicembre 1884.
Nel 1989 l’ esploratore tedesco Uwe Georgeper al National Geographic Society, ha detto: “Nessuno di noi che ha seguito Im Thurn sul monte Roraima ha trovato creature primordiali o i loro resti fossili lì, ma il terreno è così difficile che solo una frazione dei tepui di 44 miglia quadrate sono state finora esplorate “(George, 1989).
Terreno sacro
Prima dell’arrivo degli europei, i nativi del Venezuela vedevano i tepui come aventi particolare con significato mitico. Secondo gli indiani Pemón, il Monte Roraima era “il ceppo di un albero potente che una volta ha teneva tutti i frutti e le verdure tuberose del mondo,” ma è stato “abbattuto da uno dei loro antenati, l’albero si è schiantato al suolo, scatenando una terribile alluvione “(Naeem, 2011). Essi credevano che se una persona saliva in cima ai tepui, lui o lei non sarebbero tornati vivi.
La montagna di cristallo coperta con diamanti e cascate’
Salire sui tepui è estremamente difficile per le piogge frequenti che rendono i sentieri rocciosi scivolosi e fangosi. Il primo esploratore europeo a scrivere sui tepui è stato Sir Walter Raleigh nel 1595. Ha scritto di una montagna di cristallo ricoperta di diamanti e cascate.
C’è una buona probabilità che Sir Raleigh stava descrivendo le Angel Falls, così chiamata dalla metà del 20 ° secolo in onore dell’americano Jimmie Angel, che è stato il primo a sorvolare la zona. Angel Falls sono state recentemente descritte in film Disney Up , dove le cascate sono indicate come Paradise Falls.
Mentre i viaggiatori di oggi non possono inciampare sui dinosauri e altre creature preistoriche, essi potranno vedere le rane e tarantole nere che non esistono in nessun altro luogo del pianeta. Si ritiene ci sono molte altre specie uniche sul monte Roraima che sono ancora da scoprire.
GUARDA IL VIDEO

Tag:, , , ,

1 thought on “L’incredibile Mondo Perduto,Possibile Realtà?”

  1. Marcello Trombetti ha detto:

    Molte cose sono andate perdute per colpa del tempo. Non sappiamo come le abbiamo perse ma sono andate perdute. Nel tempo abbiamo sentito di cose incredibili ma ancora oggi noi ci chiediamo cosa è successo. Secondo me c’ e stato un grosso evento che ha fatto capire ad alcune persone che noi non siamo degni di vedere e di possedere la magia

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: