Pranzo dell’Immacolata: ecco qualche ricetta per festeggiare l’8 Dicembre!

No comments

L’Immacolata Concezione, ha una particolare tradizione culinaria, ma soprattutto la vigilia di questa festa.

L’unica regola che accomuna tutte le regioni d’Italia, per la Vigilia dell’Immaccolata è l’astinenza dalla carne, come fioretto in attesa della festa.

 

Se dalla punta estrema della Sicilia a Cantù pesce azzurro e Baccalà sono i protagonosti della tavola, nel Salento, per esempio si osserva il digiuno, ma non un digiuno vero e proprio… Il giorno della Vigilia dell’Immacolata, infatti, nelle province di Lecce Brindisi e Taranto, si usa mangiare per pranzo la puccia; un tipo di pane, bianco o di grano, che viene condito con una serie di prodotti, dal tonno al formaggio pecorino locale, fino a peperoni, alici, melanzane e molto altro.

Durante il pranzo, non possono inoltre mancare le pittole o pettole, ricette di fritture a base di acqua, farina e olio, che vengono condite in maniera differente. Ci sono quelle classiche, vuote, che vengono utilizzate anche come dolce, condite con il miele, poi quelle con la patata dolce, con il cavolfiore, e alla pizzaiola, cioè con pomodoro, olive, capperi e alici.

Sostieni Anima Millenaria con una donazione

Sostieni il canale di Anima Millenaria, con un tuo contributo potremo ampliare le informazioni da inviarti ogni giorno per renderti la vita più sana e felice.Grazie

€5,00

Anche a Matera si osserva il digiuno; perciò la cena diventa ancor più speciale, un modo per prepararsi alle fatiche del giorno dopo, in cui, tradizionalmente, si preparano il presepe e l’albero di Natale. Essa propone baccalà in umido e di ficcilatidd, un pane ai semi di finocchio a forma di ciambella che rappresenta la Concezione di Maria e simboleggia la perfezione dell’universo.

In Campania invece il piatto ricorrente di questa festa è la pizza di scarole.

 

Eccovi qualche ricetta per festeggiare al meglio questa festa, in famiglia o con gli amici, deliziando tutti i palati.

 

Come antipasto proponiamo di realizzare delle gustose tartine al salmone, facili, veloci e molto sfiziose:

 

Ingredienti

3 fette di pane per tramezzini (senza crosta)

240 g di scuacquerone

4 cucchiai di latte

pepe nero q.b.

100 g di salmone 

2 scatole di tonno

2 cucchiai di maionese, più altra per spalmare

 

 Sgocciolate il tonno in una terrina e sminuzzatelo con la forchetta; unite due cucchiai di maionese e amalgamate i due ingredienti.

Stemperate in un’altra ciotola lo scuacquerone con il latte, unite l’aneto tagliuzzato ed il pepe nero macinato.

Assemblate a strati gli ingredienti: su una fetta di pane spalmate due cucchiai di maionese e il salmone. Ricoprite con una seconda fetta di pane su cui avrete spalmato un leggero strato di maionese e sopra la crema di tonno. In ultimo aggiungete la terza fetta di pane e, servendovi di una siringa o di una sac-a-poche, decoratela con un ciuffo dello scuacquerone aromatizzato.

(http://www.quandopasta.it/2011/12/tartine-con-tonno-e-salmone/)

Antipasto: Tartine al salmoneAntipasto: Tartine al salmone

 

Come seconda portata invece vi proponiamo il baccalà rivisitato:

 

INGREDIENTI

200 gr Filetti di Baccalà qualità Islanda

Melanzana 200 gr

4 Cipollotti piccoli

1 Peperone rosso

1 peperone giallo

1 Interno con i semi di un pomodoro verde

150 gr Carote

8 fette di pancetta

Erbe aromatiche qb

Sale qb

Olio extravergine di oliva qb

Per il centrifugato di pomodori verdi:450 gr Pomodori 0,3 gr Maggiorana 0,3 gr Origano 1,7 gr Basilico 1gr Menta 1gr Erba cipollina 2gr Cipollotto Sale qb

 

PREPARAZIONE

Asciugare bene i trancetti di baccalà, ricavarne 4 cilindri di circa 5 cm di diametro e avvolgerli con la pancetta, appoggiare su carta assorbente. Pelare le carote ,lessarle lasciandole al dente, freddarle in acqua e ghiaccio e, con l’aiuto di un coppapasta piccolo, ricavarne 8 cilindri di circa 2 cm di altezza e 1,3 di diametro. Dalla melanzana ricavarne 8 cubi di 1,5 cm di lato (almeno una superfice deve essere con la buccia) quindi arrostire in padella con pochissimo olio. Pulire i cipollotti, spaccarli a metà e saltarli in padella con l’olio. Dal pomodoro verde ricavare 4 spicchi contenente i semi. Cuocere i peperoni in forno a 230 °. Spelarli e formare dei piccoli cilindri arrotolandoli fermati da un filo di erba cipollina. Lasciare da parte queste preparazioni su carta assorbente. Passare alla centrifuga i pomodori verdi, quindi unire l’acido ascorbico. Il succo ricavato dovrà essere 300 gr. Unire al succo tutte le erbe tagliate grossolanamente. Lasciare in infusione 2 ore, filtrare e aggiungere il sale. Arrostire il baccalà in una padella antiaderente a fuoco vivo in modo che all’interno resti morbido e mantenga la sua gelatina. Disporre in ogni piatto fondo a cerchio le verdure precedentemente preparate alternandole per colorazione, disporre su ognuna di esse una falda di sale maldo e una fogliolina di erba aromatica. Al centro del piatto adagiare il cilindro di baccalà in senso verticale e coprire il fondo del piatto con il centrifugato di pomodoro verde.

 

Ricetta da: http://lestellesincontrano.it/?ricette=centrifugato-di-pomodori-verdi-con-baccala-arrostito-verdure-ed-erbe-di-stagione

 

 

 

google_ad_client: "ca-pub-8596588421312143", enable_page_level_ads: true });

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.