Menu

Smettila di dare spiegazioni e la tua Vita cambierà all’istante

0 Comments


Non date spiegazioni su tutto quello che fate: è una fonte di stress inutile. Non c’è motivo di giustificare il vostro modo di essere a coloro che già vi giudicano solo perché siete diversi, perché siete unici. Chi vi ama, vi rispetta. Quindi evitate di cadere nella cultura del “cosa diranno” e proteggete la vostra intimità, la vostra essenza.
Una caratteristica della società attuale è l’esistenza di canoni per tutto: dall’aspetto fisico fino a quello che si considera “biologicamente” normale, come sposarsi, avere figli, ecc. La pressione sociale, e anche quella familiare, ci obbligano spesso a dover dare spiegazioni per tutto quello che facciamo (o che decidiamo di non fare).
 
PRATICATE LA LIBERTÀ PERSONALE E L’ARTE DELL’ASSERTIVITÀ. SMETTETELA DI DARE SPIEGAZIONI SU TUTTO QUELLO CHE FATE: CHI VI AMA NON NE HA BISOGNO E CHI NON VI RISPETTA CAPIRÀ QUELLO CHE VUOLE.
Una cosa importante, che dovremmo iniziare a fare fin da oggi, è riflettere sul numero di volte che ci troviamo a giustificarci davanti agli altri. Farlo in eccesso vuol dire cadere nell’incoerenza, soffrire e pagare spese non necessarie. Voi siete i vostri primi giudici e avete il diritto assertivo di dire: no, non ti darò nessuna spiegazione perché non ti riguarda affatto“.
Dare spiegazioni: una fonte di stress

In un’interessante articolo pubblicato su “Psychology Today” viene spiegato che dobbiamo imparare ad affrontare tutte quelle persone che osano mettere in discussione le nostre “decisioni vitali”.
-Come mai ancora non ti sposi?
–Quand’è che metterai la testa a posto e troverai un buon lavoro?
–Perché non fai un altro bambino?
La cosa più complicata in queste situazioni è che i giudici che danno valore alle nostre decisioni o “non-azioni” sono proprio i parenti più vicini, per questo, la pressione e la sensazione di stress sono maggiori.
Motivi che ci obbligano a dover dare più spiegazioni
Per capire un po’ meglio le cause di sofferenza più comuni, è necessario tenere in conto queste situazioni in cui tutti possiamo identificarci.
Un errore molto comune, nel quale cadiamo spesso, è che siamo condizionati dalla stressante necessità di gestire la nostra esistenza cercando l’approvazione degli altri (e in particolare quello delle nostre famiglie)
Un altro aspetto da tenere a mente è che c’è chi ha fatto della propria vita una tribuna politica, dove ogni azione, scelta o pensiero deve essere dichiarato ad alta voce nella ricerca di approvazione. È una cosa che si vede spesso sui social network: un “mi piace” è una spinta positiva per cui sentirsi bene per aver pubblicato un pensiero o una foto.
La paura del “cosa diranno” è molto presente al giorno d’oggi. C’è chi ha la necessità di giustificare tutto quello che fa per non “rompere” quel circolo di controllo nel quale ogni azione o il non dare spiegazioni sono viste come una differenza.
APPLICATE QUESTA REGOLA NELLA VITA: FATE LE COSE PRIMA DI PARLARNE, PERCHÉ LE COSE, QUANDO SI FANNO, PARLANO DA SÉ E NON HANNO BISOGNO DI SPIEGAZIONI.
Amo il mio modo di essere: non ho bisogno di piacere a tutti
I nostri diritti assertivi
In uno studio svolto dall’Università dell’Ohio (Stati Uniti) e pubblicato sulla rivista “Behavior modification” ci spiegano che il semplice fatto di sviluppare e adottare strategie assertive migliora la nostra salute e la qualità delle nostre relazioni sociali.
Tutti noi abbiamo diritto all’assertività, ovvero potere e dover avere le proprie opinioni e idee, con diritto a valutare i propri sentimenti e comportamenti, e ad accettarli come validi nonostante gli altri non li vedano di buon occhio o non li assecondino.
Imparate ad essere assertivi: dare spiegazioni non è sempre utile
Come fare per interiorizzare e mettere in atto queste idee nella nostra realtà giornaliera? Vi invitiamo a prendere nota:
Avete il diritto a dare spiegazioni o meno: i veri responsabili di quello che facciamo, siamo o scegliamo, siamo noi stessi. Se gli altri ci vogliono bene e ci rispettano, non hanno bisogno delle nostre giustificazioni.
Stabilite dei limiti in modo diplomatico: quando un familiare, per esempio, insiste nel volere una spiegazione su qualcosa che non gli compete, stabilite dei limiti con cortesia e usate sempre frasi brevi: “è una mia decisione”, “perché mi piace così”, “perché sono felice della mia vita”.
Pensate che a volte dare spiegazioni non serve a niente: è una cosa che dobbiamo accettare, ci sono persone che capiscono quello che vogliono e, spesso, la richiesta di una spiegazione è di per sé una critica o un modo per umiliarvi. Imparate a ignorare le critiche vuote e non stressatevi. Evitate le sofferenze inutili.
PRIMA DI DARE UNA SPIEGAZIONE, CHIEDETEVI SE CIÒ CHE DIRETE AIUTERÀ A MIGLIORARE QUALCOSA, A DARE UNA SOLUZIONE O PREVENIRE UN ASPETTO IN CONCRETO. SE NON È COSÌ, NON PREOCCUPATEVI, SORRIDETE E LIMITATEVI AL SILENZIO.

DONAZIONE

Sostieni Anima Millenaria per la crescita del canale e del blog, per poter ampliare le migliori informazioni dedicate al tuo benessere interiore e anche del tuo corpo.Grazie

€1,00

Tag:, , ,

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: