Menu

Il campo elettromagnetico del cuore influenza tutte le cellule

0 Comments


Gran parte delle tradizioni culturali di tutto il mondo ha sempre considerato il cuore la sede dell’anima, fonte di coraggio e saggezza, fino a quando l’avvento delle moderne neuroscienze, attraverso dispositivi di neuroimaging sempre più sofisticati, ha fatto sì che si rinunciasse a questa importante consapevolezza, inchiodando il nostro mondo interiore al cervello e al suo ruolo autoritario di autore del comportamento, delle emozioni e dei pensieri. Ma il cervello pur svolgendo l’insostituibile compito di dirigere il funzionamento del corpo umano, elaborando tutte le informazioni provenienti dalle cellule e dall’ambiente esterno, è sì il coordinatore, ma non è il solo, non è l’unico. C’è molto, ma molto di più. È il cuore a comandare, è il cuore a determinare il primo input dal quale muoverci. Il cuore ha memoria di tutto ciò che accade: in esso si sedimentano le tracce più profonde della nostra esperienza di vita. In esso è contenuta luce ed informazione pura, di ampiezza e frequenza elevatissima che si accorda in virtù del suo moto costante con lo stesso tipo di energia presente all’esterno.

E questo a dircelo è la scienza stessa con le ricerche portate avanti dal team specialistico dell’Institute of HeartMath in California che da tempo esplorano scientificamente i meccanismi fisiologici con cui il cuore comunica con il cervello, dimostrando che il cuore è molto di più di quello che crediamo, ovvero un centro complesso, auto-organizzato, di elaborazione dati, con una propria mente che scandisce i cambiamenti della frequenza cardiaca (HRV), della pressione sanguinea e dell’informazione chimica/ormonale in base alla sperimentazione di differenti emozioni. Dal 1991, infatti, quando Doc Childre fondò il no-profit HeartMath Institute – Istituto di Matematica del Cuore – team di importanti scienziati da tutto il mondo ricercano e sviluppano strumenti e metodologie scientifiche per aiutare le persone a stimolare il collegamento tra mente e cuore, fino ad arrivare una connessione armonica con il cuore degli altri. Ciò consente di ridurre notevolmente lo stress e di sbloccare la “guida intuitiva interiore” per fare scelte migliori, attraverso l’autoregolazione del flusso emotivo. La parola “Heart” significa cuore ma non riguarda solo il cuore come organo fisico, ma le qualità che vengono associate ad esso come amore, compassione, coraggio e apprezzamento. La parola “Math” invece si riferisce alle equazioni fisiologiche e psicologiche per accedere e sviluppare l’incredibile potenziale del muscolo cardiaco.

Infatti l’HMI è un centro riconosciuto a livello mondiale specializzato in fisiologia emozionale, studio della resilienza e gestione dello stress, che svolge avveniristiche attività di ricerca in psicofisiologia, neurocardiologia e biofisica.

Sostieni Anima Millenaria con una donazione

Sostieni il canale di Anima Millenaria, con un tuo contributo potremo ampliare le informazioni da inviarti ogni giorno per renderti la vita più sana e felice.Grazie

€5,00

Questi studi hanno permesso di validare scientificamente moltissimi meccanismi sottili che avvengono dentro e fuori di noi, dimostrando la forte relazione esistente fra lo stato emotivo e lo spettro di frequenza dei segnali elettrici provenienti dal cuore e vedendo come i sentimenti di amore, affetto e compassione o di frustrazione e rabbia, influenzano i segnali energetici prodotti. Questi segnali vengono condotti a ogni singola cellula somatica e irradiati nello spazio che circonda il corpo. Tale flusso di energia che ci pervade e il campo energetico che esso genera, s’irradia intorno a noi entrando in risonanza e scambio reciproco con il campo del cuore degli altri. Ed una volta che la frequenza prodotta inizia il suo moto essa si propaga ad ampio raggio investendo tutto ciò a cui è rivolta.

L’impegno dell’HMI è la prova che l’umanità può sviluppare quell’apertura profonda del cuore per generare un campo di coscienza vibrazionale più ampliato. Aprire il cuore nella concretezza significa dare spazio alla voce della propria anima, a quel richiamo di base che permette di muoverci con sensibilità e profonda coscienza nei confronti di tutto ciò che abbiamo modo di sperimentare nella nostra vita, affinché tutta la realtà che ci circonda possa essere influenzata e modellata in meglio.

fonte

 

Tag:, , , ,

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: