Menu

8 Scritture Sconosciute ancora da decifrare

0 Comments


sc

Da quando è comparso sulla Terra l’uomo ha sempre sentito l’esigenza di trasmettere alle generazioni successive le conoscenze e l’esperienza acquisita nel tempo. La scrittura è certamente l’invenzione più importante per tramandare la storia.

data-ad-layout-key="-4c+d7+2h-tv+q0" data-ad-client="ca-pub-8596588421312143" data-ad-slot="2329396741">

La prima scrittura a comparire sulla Terra è quella cuneiforme usata dai Sumeri: incise su tavolette di argilla le prime testimonianze risalgono al 3.000 a.C. Successivamente forme di scrittura apparvero in Egitto, quindi in Europa e via di seguito in Cina e in America del Sud. Benché molte scritture del passato siano state decifrate dagli storici, esistono ancora oggi linguaggi oscuri. Proprio a queste scritture ancora da decifrare la rivista inglese New Scientist dedica un lungo reportage individuando otto importanti grafie che restano ancora sconosciute all’umanità. Attualmente le otto scritture mai decifrate sono:L’etrusca, la meroitica, la zapoteca,il Rongo Rongo,i linguaggi precolombiani,e dalla lineare al disco di Festo, Vediamoli brevemente :

Etrusca:L’alfabeto è stato quasi completamente decifrato assieme a importanti aspetti della grammatica, ma l’interpretazione del linguaggio ancora oggi appare complessa.

Il Libro Tibetano dei Morti

Voto medio su 3 recensioni: Da non perdere

€ 12

Meroitica:l’alfabeto meroitico. Usato dagli abitanti del regno di Kush, civiltà che fiorì intorno all’800 a.C. nel Nord Africa, ha due forme di grafia:la geroglifica, usata per lo più sui monumenti, e quella corsiva, usata nel commercio e nelle faccende quotidiane. Entrambe le forme di scrittura sono dotate di 23 segni.

Zapoteca:linguaggio usato dalla civiltà zapoteca: questa fiorì nella Valla di Oaxaca circa 2.600 anni fa. Gli zapotechi usavano un tipo di scrittura a ideogrammi sillabici,tuttavia gli studiosi non sono riusciti a ricostruire l’alfabeto usato da questa civiltà anche a causa delle estreme confusione e complessità dei linguaggi parlati dalle moderne popolazioni.

Rongorongo:è la scrittura antica dell’Isola di Pasqua (Rapanui).Al momento (2011) in tutto il mondo esistono soltanto 26 tavolette, in buone condizioni ed autentiche al di là di ogni dubbio, scritte in rongorongo.

sc1

Linguaggi precolombiani:Tra le scritture ancora da decifrare elencate dal New Scientist compaiono anche un gruppo di grafie usate da civiltà precolombiane: l’olmeca,e la la epi-olmeca.Le prime scritture fatte su blocchi di pietra risalgono al 900 a.C.

La lineare e il disco di Festo:Tra le scritture antiche ancora da decifrare una delle più famose è la “Lineare A”. Scoperta insieme a un’altra scrittura antica, la Lineare B.Composta da segni che vanno da sinistra verso destra e presente su diverse tavolette d’argilla, questa scrittura è tuttora indecifrata e poco comprensibile.

La scrittura presente sul Disco di Festo è un insieme di simboli impressi con stampini incisi su entrambe le facciate del reperto archeologico. Scoperto nel 1908 dagli italiani Luigi Pernier e Federico Halbherr, mentre stavano scavando a Creta nel palazzo minoico di Festo, questo magnifico reperto risale al 1.700 a.C. ed è composto da 241 simboli: tutti i segni non sono stati ancora decifrati e non hanno nessuna somiglianza con le scritture conosciute del tempo.

Molte scritture aspettano di essere tradotte, sta solo a noi il compito di trovare la soluzione.

Quando i Giganti abitavano la Terra
Versione nuova

Voto medio su 51 recensioni: Da non perdere

€ 19.5

images

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici su Facebook

Sostieni Anima Millenaria con una donazione

Sostieni il canale di Anima Millenaria, con un tuo contributo potremo ampliare le informazioni da inviarti ogni giorno per renderti la vita più sana e felice.Grazie

€5,00

Tag:, , , , , , ,

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: